Lo stile



L’Hung Kuen (o Hung Gar), originario del monastero Shaolin del Sud, è uno dei più importanti e antichi metodi di Kung Fu, al quale molti altri stili si sono ispirati.Si diffonde nel sud della Cina e mantiene il rispetto della più pura tradizione filosofica e marziale del monastero Buddista di Shaolin.

Nel rispetto della tradizione marziale tramandata nelle generazioni come metodo per l’autodifesa, favorisce la salute e la forma fisica, aumenta la coordinazione e l’elasticità.
Insegna la disciplina migliorando la concentrazione e la capacità di controllo del corpo e dello spazio intorno a sè. Fortifica gli arti preparandoli per lo studio del combattimento.

Si praticano:

– Esercizi, tecniche e forme a mano nuda

– Armi tradizionali Shaolin

– Studio dei 5 Animali e dei 5 Elementi

– Kung Cha (Combattimenti prestabiliti)

– Kam Na Sao (Leve articolari e corpo a corpo)

– Wai Chi Kung (Sviluppo dell’energia abbinando la respirazione al lavoro muscolare)

– Studio dei principi tecnico-filosofici Shaolin

– Storia e simbologia dello stile

– Stage a contatto con la natura

Storia
La storia sulle sue origini, come quella della maggior parte delle altre arti marziali cinesi, è piena di leggende, miti e contraddizioni, senza prove storiche che possono comprovarne la reale validità.
La versione ampiamente più accreditata afferma che lo stile venne creato alla fine del 1700 e che trovi le sue origini nel tempio Naam Siu Lam 南 少 林 (南 Naam (Sud) – 少 林 Siu Lam (Giovane foresta)) nella regione del Fukgin 福 建 nella Cina meridionale.
In quel periodo la Cina era oppressa dalla dominazione dei Ching (1644-1911). La loro fu una dominazione molto opprimente che fece nascere molte organizzazioni ribelli atte a rovesciarla a favore del ritorno della dinastia precedente: i Ming.
I Ching, preoccupati dal fatto che il tempio Siu Lam del sud era diventato un grande centro sovversivo, distrussero il tempio. Dalla distruzione di questo si salvarono poche persone tra cui il fondatore dello stile Hung Kuen: Hung Hei Gun 洪 熙 官. Questi era un seguace laico del monastero che fu addestrato dall’abate del tempio stesso: Ji Sin Sim Si 至 善 禪 師.
Gli uomini scampati alla distruzione del tempio giurarono di diffondere l’arte del Siu Lam e di lottare per: Faan Ching Fuk Ming – Rovesciare i Ching, ristabilire i Ming 反 清 復 明.
Si dice che Hung Hei Gun cominciò ad insegnare l’arte appresa nel monastero di nascosto chiamando il suo stile Hung Gar Kuen – Pugno della famiglia Hung 洪 家 拳, principalmente per nascondere la connessione con il tempio Siu Lam ai Ching.
Hung Hei Gun trasmise il suo stile ad un altro sopravvissuto alla distruzione del tempio: Luk A Choi 陸 阿 采. Anche questi era stato allievo dell’abate Ji Sin Sim Si.
Miglior allievo di Luk A Choi fu Wong Taai. Questi imparò il sistema completo e divenne un grande esperto dello stile Hung Kuen. Da quel momento in poi, la tradizione e gli insegnamenti dello stile furono portati avanti da tre generazioni della famiglia Wong 黃: Wong Taai 黃 泰, Wong Key Ying 黃 麒 英 e Wong Fei Hung 黃 飛 鴻.
La storia continua con il Gran Maestro Lam Sai Wing 林 世 榮 e uno dei suoi migliori allievi: Chan Hon Chung 陳 漢 宗.
La nostra corrente deriva dal Si Gung Cheung Yee Keung 張 義 強, miglior allievo del defunto Gran Maestro Chan Hon Chung, di cui il massimo esponente italiano è il Si Fu Michele Angelo Riolo, che attualmente insegna a Roma.

Si Fu – Il Maestro

Michele Angelo Riolo è nato a Oristano il 06.09.56; dopo pochi anni si è trasferito a Catania dove, all’età di 13 anni, ha iniziato a studiare arti marziali. La prima esperienza è stata nell’ambito del Karate Shotokan per circa 3 anni; a 16 anni Angelo Riolo ha intrapreso lo studio del kung fu, portato avanti fino ad oggi senza interruzioni, conseguendo il grado di Maestro (Si Fu) all’età di 40 anni. Di temperamento dinamico e curioso, il Si Fu Riolo ha fatto esperienza di diversi stili di kung fu (Choy Lee Fut, Shaolin, Tan Lang, Wing Chun, Tai Chi Chuan, Hung Gar) prima di restringere il suo campo di studio alla pratica dell’ Hung Gar (o Hung Kuen) e del Tai Chi Chen.
In Italia il Si Fu Riolo insegna in tre diverse scuole (quartiere Monteverde, Appio Tuscolano, Salario) a vari gruppi di allievi divisi per stagioni (livelli di programma), come responsabile tecnico dello stile Hung Gar (riconosciuto direttamente dal suo Maestro Cheung Yee Keung come unico responsabile tecnico dello stile per il centro-sud Italia, mentre unici responsabili per il nord sono i Maestri Gianfranco Galluccio e Giuseppe Turturo, suoi parigrado e allievi diretti dello stesso Si Fu in Hong Kong).

Si reca periodicamente in Cina dal Maestro Cheung Yee Keung, il più anziano tra gli allievi del defunto Chan Hon Chun ed ora capo istruttore della scuola di Hung Gar tradizionale, del quale è allievo diretto. Sotto la sua guida continua a perfezionare il suo programma nello stile e ad ampliare le sue conoscenze. Quando si reca nella scuola di Hong Kong, il Si Fu Riolo sperimenta nel suo Maestro l’accoglienza di un padre, alloggia presso di lui e su suo incarico insegna agli allievi cinesi e stranieri presenti in quel periodo nella scuola, condivide con la sua famiglia i momenti del vivere quotidiano nel rispetto della più antica tradizione marziale, che vede nella scuola di kung fu una grande famiglia, unita dall’affetto, dal rispetto reciproco e da una comune, grande passione per l’arte.

Il Maestro Riolo ha formato un istruttore abilitato allinsegnamento dello stile Hung Gar: Sabrina Chianelli. Altri allievi sono ancora in formazione come tirocinanti o come istruttori ancora di primo livello.

Parallelamente allo studio e all’insegnamento dell’arte marziale, M. Angelo Riolo porta avanti la sua carriera artistica come pittore, scultore e intagliatore. La sua produzione è iniziata all’età di 14 anni, e da allora ha partecipato a diverse mostre collettive e alcune personali ottenendo ottimi consensi dalla critica e riconoscimenti per il suo talento artistico. Esegue, inoltre, intagli artistici manuali su legno, sia per la creazione di oggetti particolari che per la decorazione di mobili artigianali (vedi sito: http://www.michelangeloriolo.com ). Tornando all’ambito delle arti marziali, il Maestro Riolo scrive anche articoli su alcune riviste specializzate di arti marziali, in parte inseriti in questo stesso sito.

GENEALOGIA

Chi Shin Chin era l’abate del monastero Nam Siu Lam-Chao Chan.

Hung Nei Kung, fondatore dello stile, si dice che sposò Fon Wing Chun, fondatrice dello stile Wing Chun.

Lok Ha Choy fu un grande combattente.

Ti Kiu San era temuto per la sua forza e per le sue avambraccia dure come il ferro. Creò la forma Tit Sin Kuen.

Ta Mo Chun era un forgiatore di coltelli.

Wong Kei Yen era un grande combattente, famoso per essere una delle Sap Fu, le dieci tigri di Canton.

Wong Fei Hung, figlio di Wong Kei Yen, passò alla storia per le sue imprese eroiche e per la sua nobiltà d’animo. Creò una forma con i coltelli a farfalla. Era anche un esperto medico.

Lam Sai Wing era un macellaio, allievo di Wong Fei Hung, abilissimo nell’arte da combattimento, divenne medico e creò una forma base con i coltelli a farfalla.

Chan Hon Chun era anche medico ortopedico.

Cheung Yee Keung è vivente, insegna ad Hong Kong ed è anche medico ortopedico.